La favolosa storia dei funghi medicinali

Joaquim A | 17 gennaio 2022
Tempo di lettura : circa 3 minuti
La favolosa storia dei funghi medicinali
Sommario

    A chi importava dei funghi fino alla fine del secolo? C'erano solo alcune leggende metropolitane che si degnavano di menzionarli, ma il più delle volte in termini non proprio brillanti.

    Funghi, un uso ricreativo


    Da quanto tempo gli esseri umani usano i funghi per le loro proprietà medicinali? Intorno al 7000 a.C., la preistoria testimonia alcune strane situazioni. L'agarico della mosca (Amanita muscaria), un fungo caratteristico con un cappello rosso punteggiato di squame bianche, era usato per scopi religiosi e ricreativi. È usato nei rituali sciamanici per i suoi effetti allucinogeni.

    Più tardi, l'uso dei funghi sembra essere più frequente e più elaborato. Otzi, un guerriero preistorico che fu accidentalmente sepolto e congelato, è il miglior esempio. Infatti, caro lettore naturopata, regola numero 1, non andare a camminare da solo sulle montagne innevate del massiccio Otzal in Austria. Portava con sé dei funghi capaci di guarire una ferita di guerra.

    Il fungo, tra credenze e superstizioni


    Nella mitologia della Grecia antica (900 a.C. - 400 a.C.), i funghi simboleggiano la magia, la divinità e l'immortalità perché appaiono dal nulla, dalla terra o dalla corteccia degli alberi. Alcune persone credono addirittura che i funghi abbiano poteri soprannaturali perché possono essere usati per nutrire, guarire, accendere fuochi e avvelenare i nemici. Come la mano degli Dei, sono una fonte inesauribile di cibo in tempi di carestia, o al contrario un frutto tossico che rappresenta la rabbia divina.

    Strana emozione collettiva allora... Cosa sarebbe successo?

    Il fungo, un mistero svelato


    Dall'antichità (3300 a.C. - 476), molte personalità come Euripide, Ippocrate e Teofrasto hanno condotto studi scientifici per scoprire il mistero dei funghi. La tossicità e il ciclo di vita dei funghi sono studiati con grande attenzione. Plinio il Vecchio e Dioscoride proposero allora di descrivere tutte le specie di funghi per riconoscerle meglio: fu l'inizio della prima classificazione dei funghi.

    In ogni caso, l'approccio scientifico si esaurì e decadde a partire dal Medioevo (476 - 987). C'è l'esempio dei "cerchi delle streghe" o "cerchi delle fate" che sono le impronte lasciate dagli elfi che venivano a ballare in cerchio.

    Funghi, una scienza del futuro


    Al di fuori della cerchia confidenziale di alcuni privilegiati, non fu fino alla grande effervescenza intellettuale del Rinascimento che si osservò un risveglio di interesse e una diffusione massiccia delle scoperte scientifiche grazie alla stampa. Questo fu solo l'inizio di un grande progresso nella conoscenza dei funghi con l'opera "Rariorum plantarum historia: Fungorum in Pannoniis observatorum brevia historia" di Charles de l'Ecluse, "Theatrum Fungorum Of Het Tooneel Der Campernoelien" di F. van Sterbeek e soprattutto gli essenziali "Synopsis Methodica Fungorum" e "Systema Mycologicum" di C.H. Persoon e E.M. Fries.

    In seguito, le scoperte scientifiche furono numerose, anche se avvennero per caso. L'esempio più noto è la scoperta del primo antibiotico, la penicillina, da parte dell'inglese Alexander Fleming. Al suo ritorno dalle vacanze, si accorse che aveva dimenticato di buttare via il bidone della spazzatura che era pieno di rifiuti. Fu sorpreso di scoprire un fungo capace di uccidere i batteri nel bidone. Ha pensato di utilizzare questa virtù eccezionale per combattere i batteri responsabili di molte malattie umane. Questa scoperta e applicazione ha salvato migliaia di vite umane da infezioni fatali, soprattutto durante la seconda guerra mondiale con i feriti di guerra.

    Pubblicato il 17 gennaio 2022 alle 23:39
    Aggiornato il 09 marzo 2022 alle 19:30

    I commenti

    Potresti essere interessato a

    Joaquim A

    Joaquim A

    Editore web

    Sono Joaquim, un grande amante della natura. Mi sono formato come farmacista, durante il quale ho acquisito un certo numero di conoscenze. Ora è il momento di usare questa conoscenza condividendola con il maggior numero di persone possibile.