Vaiolo delle scimmie : la prossima pandemia globale ?

Joaquim A | 10 agosto 2022
Tempo di lettura : circa 6 minuti
Vaiolo delle scimmie :  la prossima pandemia globale ?
Sommario

    Nel nostro mondo sempre più violento, siamo alla ricerca di una nuova forma di impegno. Così come volevamo informarvi sulle compresse di iodio per proteggervi dalle radiazioni di un'esplosione nucleare, vogliamo portarvi contenuti di qualità.

    Che cos'è il vaiolo delle scimmie ?

    Il vaiolo delle scimmie è una malattia virale causata dal virus del vaiolo delle scimmie, correlato al virus del vaiolo.

    Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi, il che significa che viene trasmesso dagli animali all'uomo :

    • o direttamente dall'animale, come nel caso della toxoplasmosi, attraverso il contatto con un gatto infetto;
    • o indirettamente attraverso i vettori, come le zanzare che possono trasmettere Chikungunya, Dengue, febbre gialla o il virus Zika.

    Dove si trova il virus del vaiolo delle scimmie ?

    Il virus del vaiolo delle scimmie è stato isolato per la prima volta nel 1958 da scimmie allevate per la ricerca scientifica.

    I primi focolai del virus si sono verificati in Africa, con il primo caso umano registrato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Da allora, le epidemie si sono regolarmente verificate in quel luogo senza mai diffondersi in altri continenti. Ma nella primavera del 2022 è accaduto l'impossibile e sono stati segnalati casi in Europa e in Nord America, non collegati a viaggiatori provenienti dall'area a rischio.

    Trasmissione e contagio del virus del vaiolo delle scimmie

    Il virus del vaiolo delle scimmie si trasmette :

    • dagli animali all'uomo : attraverso il morso o il graffio dell'animale o il consumo di carne contaminata. Gli animali serbatoio del virus sono roditori (scoiattoli, ratti) e scimmie;
    • da un essere umano all'altro : attraverso il contatto prolungato faccia a faccia tramite le goccioline respiratorie, attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei (sangue, saliva, sperma) e attraverso il contatto con oggetti che il paziente ha contaminato.

    ATTENZIONE : la protezione dei rapporti sessuali con un preservativo non protegge dalla trasmissione del vaiolo delle scimmie!

    Quali sono i sintomi del vaiolo delle scimmie ?

    Il paziente è contagioso dal momento della comparsa dei primi sintomi fino alla caduta delle croste.

    I sintomi iniziano con :

    • Febbre alta;
    • dolore muscolare; e
    • linfonodi ingrossati (soprattutto nel collo);
    • un'eruzione cutanea (macchie rosse e prurito) sulla bocca e sulla lingua;
    • grave affaticamento (astenia).

    In seguito, l'eruzione si estende a tutto il corpo con macule, papule e pustole dalle mani alla pianta dei piedi. Nel 10% dei casi possono verificarsi complicazioni.

    La malattia dura tra le 2 e le 4 settimane. Il periodo di incubazione (il tempo che precede la comparsa dei primi sintomi) va da 5 a 21 giorni.

    Le lesioni cutanee finiscono per guarire formando delle croste. Queste croste si staccano gradualmente dalla pelle e cadono. Possono essere responsabili di ulteriori contaminazioni.

    La forma attuale di infezione da vaiolo delle scimmie presenta alcune peculiarità rispetto al vaiolo classico :

    • una grande percentuale di pazienti è costituita da uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini;
    • i pazienti presentano lesioni anali e genitali.

    Come si fa a sapere se si è stati infettati dal vaiolo delle scimmie ?

    Si sospetta un'infezione da vaiolo delle scimmie se la persona ha avuto una possibile esposizione al virus nelle ultime tre settimane con :

    • il ritorno da un'area endemica in Africa e il contatto con roditori o scimmie;
    • contatto con una persona infetta.

    Il vaiolo delle scimmie deve essere distinto da altre malattie con sintomi simili :

    • varicella ;
    • sindrome mano-piede-bocca
    • tegole
    • morbillo
    • scabbia
    • sifilide;
    • e reazioni allergiche della pelle (allergie).

    La presenza del virus in un paziente è confermata da un test biologico simile al test PCR eseguito per confermare la presenza del virus COVID 2019 della SARS : un test di amplificazione dell'acido nucleico specifico del virus dopo un tampone nasale.

    Il campione può essere prelevato anche da :

    • Tampone per la gola;
    • lesioni genitali; e
    • lesioni anali;
    • lesioni cutanee.

    Quali sono le complicazioni dell'infezione da vaiolo delle scimmie ?

    In seguito all'infezione da vaiolo delle scimmie, esistono complicazioni che richiedono un ricovero d'urgenza in ospedale :

    • Un'eruzione cutanea massiccia : più di 100 vesciche su tutto il corpo;
    • danni agli occhi : danni irreversibili alla cornea degli occhi, con conseguente riduzione o addirittura perdita della vista;
    • complicazioni digestive;
    • complicazioni neurologiche : rischio di sviluppare un'encefalite fatale;
    • danno polmonare : lo sviluppo della pneumopatia.

    Attualmente, il rischio di morte è dell'1%. Le popolazioni particolarmente a rischio di sviluppare una forma grave della malattia sono

    • soggetti immunocompromessi;
    • bambini;
    • Donne in gravidanza con trasmissione del virus al neonato.

    Vaiolo delle scimmie : quali farmaci usare per trattarlo ?

    La gestione medica del vaiolo delle scimmie si limita ad alleviare i sintomi presenti :

    • il trattamento principale consiste nel combattere la febbre. Il trattamento di prima linea è l'uso di paracetamolo;
    • per prevenire il grattamento della pelle, la superinfezione delle lesioni e la trasmissione del virus, possono essere prescritti antistaminici;
    • È consigliabile coprire le lesioni cutanee con impacchi e medicazioni sterili per limitare le infezioni.

    ATTENZIONE : i farmaci antinfiammatori non steroidei sono controindicati a causa della possibilità di gravi complicazioni infettive.

    Come posso prevenire la trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie ?

    Per evitare di diffondere il virus, la persona malata deve :

    • isolarsi fino alla completa guarigione delle lesioni cutanee (includendo i propri animali domestici durante l'intero periodo di isolamento);
    • applicare misure di barriera, compreso il lavaggio delle mani
    • indossare una maschera chirurgica e guanti protettivi;
    • astenersi dai rapporti sessuali fino a 21 giorni dopo la comparsa dei sintomi;
    • pulizia accurata della casa al termine dell'isolamento.

    Vaiolo delle scimmie : vaccinazione

    La vaccinazione dopo l'esposizione al virus può essere offerta alle persone a rischio.

    Non possono essere vaccinati i bambini e gli adolescenti fino a 18 anni, nonché le donne in gravidanza o in allattamento.

    Il vaccino viene idealmente somministrato entro 4 giorni dal contatto a rischio e non più di 14 giorni dopo con una schedula a 2 dosi (o 3 dosi in soggetti immunocompromessi), distanziate di 28 giorni.

    Secondo studi scientifici, le persone che hanno ricevuto il vaccino antivaioloso una volta nella vita (anche se la vaccinazione è stata fatta molto tempo fa) sono ancora parzialmente protette dal vaiolo delle scimmie.

    Vaiolo delle scimmie : soggiorno in Africa

    Quando si viaggia in Africa, dove si verificano i principali focolai del virus del vaiolo delle scimmie, è necessario :

    • Evitare il contatto non protetto con gli animali selvatici;
    • Non consumare carne e sangue di animali selvatici.

    Pubblicato il 10 agosto 2022 alle 09:27
    Aggiornato il 04 ottobre 2022 alle 09:22

    I commenti

    Potresti essere interessato a

    Joaquim A

    Joaquim A

    Editore web

    Sono Joaquim, un grande amante della natura. Mi sono formato come farmacista, durante il quale ho acquisito un certo numero di conoscenze. Ora è il momento di usare questa conoscenza condividendola con il maggior numero di persone possibile.